La Sig.ra Ana Franchetti ha aperto le porte del suo Hotel agli obiettivi della Pivot. Ci ha scelto dopo una trattativa di un anno e lo ha fatto in nome della qualità… almeno così dice! Fate un giro per i giardini in fiore e le viste mozzafiato delle camere… non passate dalla piscina, ve lo diciamo da amici, fa male al cuore.

Anche Foscolo, rivolgendosi al Canova, se ne era accorto che non era un posto per tutti:

« Nella convalle fra gli aerei poggi Di Bellosguardo, ov’io cinta d’un fonte / Limpido fra le quete ombre di mille/ giovinetti cipressi alle tre Dive/ l’ara innalzo, e un fatidico laureto/ in cui men verde serpeggia la vite/ la protegge di tempio, al vago rito/ vieni, o Canova, e agl’inni […] Forse (o ch’io spero!) artefice di Numi,/ Nuovo meco darai spirto alle Grazie/ Ch’or di tua man sorgon dal marmo»

Ugo Foscolo, Le Grazie, 181